Il Monte Titano entra a far parte della lista dei tesori mondiali dell’Unesco

L’antica Repubblica di San Marino ha ottenuto il rinomato riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità dall comitato dell’Unesco, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, grazie al suo millenario Monte Titano e al suo glorioso passato. Questo programma della fondazione è nato con lo scopo di preservare e proteggere quei luoghi, edifici o monumenti ritenuti di grande valore culturale e naturale per l’intera popolazione mondiale; chi entra a far parte di questa lista, oltre a ottenere una grande onorificenza, può richiedere finanziamenti al World Heritage Fund se soddisfa determinate condizioni. Dopo tanti sforzi e anni di lavori (l’iter è cominciato nel 2003), anche San Marino ha ottenuto questo prestigioso titolo tanto desiderato; gli esaminatori dell’Unesco hanno ritenuto il Monte Titano un luogo colmo di testimonianze di una grande storia fatta di libertà, indipendenza e democrazia, un esempio per tutti gli stati del mondo.

È stata una notizia sensazionale per il popolo sammarinese che ha festeggiato con gioia l’adesione alla lista : per l’economia della piccola repubblica questa rappresenta un’ottima occasione di rilancio per incrementare il turismo, l’attività principale di San Marino molto sviluppata nel centro storico, e aumentare la salvaguardia delle bellezze e delle attrattive che il Monte Titano ha da offrire, il simbolo di questa popolazione che per secoli ha saputo rendersi protagonista della propria indipendenza.

Rimani aggiornato!

No spam guarantee.

Un pensiero su “Il Monte Titano entra a far parte della lista dei tesori mondiali dell’Unesco

  1. Mattia

    Fortunatamente gli “addetti” dell’Unesco non hanno considerato il territorio circostante al monte Titano, e si sono soffermati a lungo sulla nostra storia. Storia caratterizzata da una, diciamolo, discreta fortuna. Da una parte c’era la restaurazione con la sparizione di tutti i piccoli stari e regni d’Europa, dall’altra c’era la parola di Napoleone, l’unificazione dello stivale, Garibaldi (scampato a San Marino) e i liberali che hanno seguito i dettami del medesimo Napoleone, lasciando San Marino libera e autonoma. Insomma, fra mistero e realtà la Repubblica di San Marino esiste ancora.

Rispondi